News‎ > ‎

Esordio casalingo vincente per l' U16, che vince una partita piena di alti e bassi.

pubblicato 3 nov 2015, 07:18 da Chiara Palermo
La squadra parte ben motivata tirando fuori fin dai primi possessi la grinta necessaria, ma la troppa foga di voler concludere fa sbagliare fin troppi appoggi. Dopo i primi minuti di assestamento i ferrovieri ritrovano fluidità nei passaggi e grazie a conclusioni più ragionate trovano la via per il canestro. In difesa concediamo poco, grazie anche a una buona presenza a rimbalzo. Ma gli ospiti, bravi a ripartire velocemente, restano vicini grazie a qualche contropiede. Chiudiamo il primo periodo +6.

Anche il secondo quarto vede i nostri atleti far girare bene la palla, ma scelte di tiro troppo frettolose portano meno punti del dovuto e un paio di amnesie difensive non ci danno possibilità di allungare, chiudendo la prima metà di partita sul +7.

La pausa, come spesso succede, non aiuta i nostri ragazzi e torniamo in campo un po' troppo distratti. Ma teniamo duro in difesa senza concedere troppo agli avversari.
Nell'ultimo quarto gli ospiti spingono fin da subito per cercare tiri veloci per tornare in partita, e grazie anche ai tiri liberi tornano fino al -4. Dopo i primi minuti in cui ci facciamo contagiare dalla fretta, riusciamo a ritrovare calma in attacco e, grazie alla ritrovata circolazione di palla, pure a infilare i canestri decisivi. Il resto lo fa la difesa che non concede più tiri facili e porta in dono la prima vittoria stagionale. 

Buona prova di squadra che porta a casa una meritata vittoria, anche se con troppi cali di concentrazione.  
ORA SOTTO CON IL LAVORO!!! 

Prossimo appuntamento sabato 7 novembre alle 17.30 a Porcari. FORZA RAGAZZI!! FORZA DLF!!

TABELLINO:
A.D. D.L.F. Firenze Basket - CMB Pietrasanta 52- 42 (15-9, 27-20, 37-31, 52-42)

DLF basket: Spataro, Riga 6, Cassola 11, Schemeer, Capocasa 19, Buccioni, Cirami 6, Delli, Piazza 4, Erba 6. All. Volpi

Pietrasanta: Cinquini 9, Sacchelli, Buratti, Guiducci, Benedetti, Alessandrini 5, Graziani, Bulas 28. All. Gulielmi 
Comments